La musica e il cuore: un ritmo di vita!

Come ho accidentalmente inventato un metodo per valutare i livelli di energia dei Chakra tramite la variabilità della frequenza cardiaca usando le campane tibetane.
Due anni fa ho eseguito una serie di esperimenti per valutare l'influenza della musica sullo stato psicofisiologico dell'uomo. Sono rimasto colpito quando ho visto quanto la musica può influenzare il ritmo cardiaco.

Ho ripetuto più volte degli esperimenti, ad esempio ho consegnato le cuffie a un altro partecipante, ho acceso la musica, avviato la registrazione della frequenza cardiaca e guardato sullo schermo del computer come il “cardiointervalogramma” cambia proprio davanti ai miei occhi.

Non ho mai visto niente del genere prima. In uno stato normale il ritmo cardiaco è stabile e distintivo. È come la calligrafia di una persona: è individuale per tutti. Vi sono, naturalmente, alcune dinamiche durante il giorno, che forniscono alcuni cambiamenti, ma di norma la linea ritmica principale rimane riconoscibile. Qui, la solita linea del ritmo cardiaco è diventata totalmente diversa. Sembra che il cuore inizi a improvvisare reagendo a una fonte esterna.

Il ritmo cardiaco stesso è già una musica – musica del cuore, musica che riflette lo stato psicofisiologico individuale. Quando una persona ascolta una musica da una fonte esterna, il suo cuore cerca di adattarsi e “battere all’unisono”. Non sempre questo adattamento è regolare, a volte il cuore declina il suono esterno – in questo momento il ritmo cardiaco “si spezza”. Il cuore batte cercando di gestire la nuova attività, ma non sempre con successo. Guardando al futuro, dirò che è su questo che si basa il mio metodo. Se il cuore si allontana, significa che questa musica attiva il problema. Sapendo quale messaggio porta la musica, possiamo supporre la natura del problema. Ma ora mi sto spingendo troppo avanti.

Quindi, i risultati degli esperimenti sono stati impressionanti. Ho avuto la sensazione di aver scoperto qualcosa di importante, qualcosa che ha cambiato la mia conoscenza di questo mondo.

Volevo uscire per strada, saltare e gridare a tutti sulla mia strada: “Gente, ascoltate! La musica: è un’arma potente, se non sai come usarla. Spegnete i vostri lettori musicali, che accompagnano la tua vostra vita, siate seri sulla musica che ascoltate!”.

Nel prossimo articolo: La musica e il cuore, uno studio rivoluzionario?

Leonid Doroshenko, R&D department, Biokvant LLC.